fbpx

Blog

Salagiochi SEGA abbandonata a Fukushima


All’interno della zona rossa di Fukushima: immagini inquietanti mostrano gli arcade SEGA abbandonati “coperti di polvere radioattiva” nell’area off-limits vicino alla centrale nucleare

  • Lo Youtuber ed esploratore urbano, Bob Thissen, dai Paesi Bassi, visitò Fukushima e trovò degli arcade abbandonati
  • Dovette camminare attraverso i cespugli per evitare le pattuglie della polizia prima che potesse entrare nella sala giochi abbandonata
  • Un sottile strato di polvere radioattiva copre tutti i giochi e ha scoraggiato i saccheggiatori dal rubarli e venderli
  • Il disastro nucleare è avvenuto nel 2011 quando un terremoto di magnitudo nove ha alterato una vicina centrale elettrica 

Un esploratore urbano ha documentato la zona rossa proibita di Fukushima dove una salagiochi arcade abbandonata rimane perfettamente conservata.

Bob Thissen di Heerlen, in Olanda, ha dovuto camminare tra i cespugli e le strade, evitando che le pattuglie della polizia giapponese raggiungessero la misteriosa salagiochi, situata in profondità all’interno delle sezioni vietate.

A differenza di una tradizionale SEGA Hall, che emette suoni forti e luci colorate per attirare i giocatori, la sala di Fukushima è silenziosa e cupa ma sorprendentemente intatta.

L'esploratore urbano Bob Thissen, originario dei Paesi Bassi, si è recato in una lugubre sala giochi abbandonata a Fukushima che era stata lasciata in condizioni quasi incontaminate dopo il disastro nucleare di Fukushima, che ha visto oltre 160.000 persone fuggire dalla zona e lasciarsi la vita alle spalle

Bob Thissen ha visitato i luoghi dove oltre 160.000 hanno abbandonato le loro case

La sala giochi SEGA, una volta vibrante e incantevole, ora giace abbandonata e con un distinto brivido di abbandono.  Il signor Thissen ha dovuto attraversare i cespugli per evitare le pattuglie della polizia prima che potesse entrare nella sala giochi.  Il governo giapponese ha messo le zone di esclusione intorno all'area per proteggere le persone da potenziali radiazioni

La sala giochi SEGA, una volta vibrante e incantevole, ora giace abbandonata e con un distinto brivido di abbandono.  Thissen ha dovuto nascondersi tra i cespugli per evitare le pattuglie della polizia prima che potesse entrare nella sala giochi. Il governo giapponese ha escluso tutto all’area per proteggere le persone da potenziali radiazioni

Incontaminato: il sito sembra essere stato indisturbato dopo il disastro nucleare del 2011, a parte lo spaccio di distributori o bancomat.  Il signor Thissen notò quanto fosse inquietante che una sala delle arcate un tempo vibrante fosse ormai deserta.  Ha detto: "È stato strano trovare un posto normalmente vibrante totalmente silenzioso e cupo, senza luci, immagini o suoni"

Incontaminato: il sito sembra essere stato indisturbato dopo il disastro nucleare del 2011, a parte lo spaccio di distributori o bancomat. Il signor Thissen notò quanto fosse inquietante che una salagiochi, un tempo incandescente di luci fosse ormai deserta. Ha detto: “È stato strano trovare un posto normalmente intriso di suoni,  silenzioso e cupo, senza luci e immagini”

Oltre ai distributori automatici e ai bancomat, i giochi avevano ancora pile di gettoni, giocattoli coccolabili e giochi in abbondanza – tutte le superfici erano coperte da un sottile strato di polvere radioattiva.

Thissen ritiene che il sito sembra essere rimasto intatto dal disastro nucleare di Fukushima, che ha visto oltre 160.000 persone fuggire lasciando case, oggetti e le loro vecchie vite alle spalle.

Alcuni dei giocattoli e dei giochi che si potevano vincere avevano batterie funzionanti e il signor Thissen aveva persino sentito animali imbalsamati che dicevano "Ti amo" 

Alcuni dei giocattoli e dei giochi che si potevano vincere avevano batterie funzionanti e  Thissen aveva persino sentito animaletti di peluche dire “Ti amo” 

Thissen crede che senza la polvere radioattiva che copre l'intero posto, i saccheggiatori avrebbero rubato loro stessi i giochi arcade e li avrebbero venduti per più soldi.  Nella foto c'è una sala giochi SEGA che, a confronto, non ha chiuso

Thissen crede che senza la polvere radioattiva che copre l’intero posto, i saccheggiatori avrebbero rubato tutti gli arcade e li avrebbero venduti. Nella foto c’è una sala giochi SEGA che non ha chiuso

Un sottile strato di polvere radioattiva copre tutti i vecchi giochi ed è servito a dissuadere potenziali saccheggiatori dal disturbare il sito incontaminato.  Il signor Thissen ha detto: "La gente è fuggita durante il disastro di Fukushima e sembra che si trovi quasi nello stesso identico stato in cui è stata lasciata"

Thissen ha detto: “La gente è fuggita durante il disastro di Fukushima e sembra che tutto si trovi nello stesso identico stato in cui è stata lasciato”

“È stato pazzesco vedere che le batterie funzionavano ancora, molti giochi Disney potevano ancora essere vinti.”

‘non abbiamo toccato nulla perché era pieno di polvere radioattiva.”

‘Solo i distributori automatici e i bancomat erano stati saccheggiati.”

Il terremoto ha innescato un successivo tsunami che ha destabilizzato una vicina centrale nucleare che avrebbe cambiato per sempre il futuro di Fukushima 

Il terremoto ha innescato un successivo tsunami che ha destabilizzato il nucleo di una vicina centrale nucleare.

Dopo il disastro, il governo ha istituito zone di esclusione per cercare di ridurre al minimo la contaminazione da radiazioni.  Il signor Thissen dice che i progetti di ripulitura del governo di solito avvengono abbastanza velocemente, quindi questa sala delle arcate conservata non rimarrà così per molto più tempo   

Thissen ha confermato che lo stato della salagiochi non rimarrà così per sempre perchè lo stato giapponese è molto veloce nelle opere di ripristino, mentre stiamo scrivendo questo articolo potrebbe già essere stato ripristinato il sito per la ripopolazione.

“Ecco perché penso che sia importante mostrare le conseguenze reali del disastro prima che tutte le tracce siano sparite.”
Il sito è rimasto quasi senza vita e nascosto dal mondo esterno dietro le zone di esclusione imposte dal governo – messo in atto per paura della contaminazione da radiazioni.

Alcuni dei giochi includevano Sonic the Hedgehog, Donkey Kong, House of the Dead e molti altri, inclusi giocattoli di personaggi Disney, orsi parlanti e altro ancora.

Thissen, che ha visitato il sito per il suo canale YouTube, Exploring the Unbeaten Path, non è stato sorpreso dalla condizione estremamente incontaminata della sala giochi.

Ecco un video che lo racconta:

Verlaten (Radioactieve) SEGA speelhal in Fukushima
Alcuni dei giochi inclusi nel sito abbandonato sono Sonic the Hedgehog, Donkey Kong e House of the Dead (nella foto).  Il signor Thissen aveva cercato di entrare nella sala giochi abbandonata nel 2017, ma poiché c'erano molti lavori di ristrutturazione e di pulizia radioattiva, non era in grado di entrare
Thissen crede che parte del motivo per cui il sito sia così intatto è perché le persone che vivono in Giappone rispettano i confini messi in atto dall'autorità  

Thissen crede che parte del motivo per cui il sito sia così intatto è perché le persone che vivono in Giappone rispettano i confini messi in atto dall’autorità  

Ovunque nel mondo questi edifici sarebbero stati totalmente saccheggiati dopo poche settimana. I giapponesi rispettano davvero le regole e non sconfinano mai, anche se le porte sono spalancate.

Inizialmente ha individuato le posizioni durante il suo viaggio nel 2017, ma non è stato in grado di raggiungerlo.

Credits: freakandverynice